Ag. Kjaer: "Simon sente molto la fiducia di Pioli. Ottimo rapporto con Ibra. I suoi idoli erano Nesta e Maldini"

20.10.2020 12:00 di Gianluigi Torre Twitter:    Vedi letture
Fonte: SempreMilan.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Ag. Kjaer: "Simon sente molto la fiducia di Pioli. Ottimo rapporto con Ibra. I suoi idoli erano Nesta e Maldini"

Intervistato ai microfoni di SempreMilan.com, l'agente di Kjaer ha parlato del suo assistito e dell'esperienza in rossonero: “Abbiamo una storia con il Milan. Simon è stato vicino a unirsi a loro molte volte nella sua carriera, non è mai venuto fuori ma il Milan è tornato per lui a gennaio e questo era il momento giusto per unirsi a loro, e fortunatamente, perché da quando è arrivato non si è guardato indietro e sembrava uno che ha giocato per la squadra negli ultimi 10 anni ".

Simon ha detto prima sui media che ha sempre sognato di giocare per il Milan, è qualcosa che ti ha menzionato prima?

"Sì. Ha iniziato al Palermo e quando è partito per andare a Wolfsburg mi ha detto allora che aveva amato così tanto il suo tempo in Italia e che voleva tornare un giorno di nuovo e voleva tornare a giocare per uno dei grandi squadre. Ho sempre saputo che fin da bambino il Milan era stata la sua squadra del cuore, i suoi grandi idoli erano Nesta e Maldini, soprattutto Maldini. È sempre stato un sogno, entrambi abbiamo detto che lavoriamo sodo per questo, quindi speriamo che un giorno possa diventare un sogno che si avvera ".

Quante volte parli con Simon, e ti sembra felice di realizzare il suo sogno al Milan?

"Oh sì, oh sì. Parliamo molto, a volte tutti i giorni a volte una volta alla settimana, ma parliamo sempre dopo le sue partite ed è stato così da quando abbiamo iniziato a lavorare insieme. Abbiamo sempre parlato dopo ogni partita che ha giocato, e abbiamo parlato della partita stessa e di come ha fatto. Simon come tutti i miei clienti è qualcuno con cui sono sempre in contatto e abbiamo un rapporto molto molto speciale, molto stretto. Non è solo professionale, negli anni è diventata quasi una famiglia. Quando lavori così a lungo con lo stesso giocatore e la sua famiglia, in pratica diventi la sua famiglia ed è così che dovrebbe essere ".

Quindi gli avrai parlato dopo la vittoria di sabato contro l'Inter, immagino che fosse entusiasta?

“Certo, molto. È stata una settimana speciale per lui, non credo che dimenticherà mai quella settimana. Per giocare la tua 100esima partita con la Danimarca a Wembley e poi tre giorni dopo battere l'Inter in uno dei più grandi derby del calcio mondiale: è una settimana da ricordare per il resto della sua vita ".

Simon è sotto contratto al Milan fino al 2022, si è pensato di andare oltre?

“Abbiamo appena firmato, quindi non parli di estensioni solo dopo aver firmato un nuovo contratto. È ancora agli inizi, se continua a giocare come gioca e tra due anni gli piace ancora al Milan e al Milan piace ancora allora perché no, possiamo sempre pensarci in quel momento. In questo momento non sta davvero pensando a nient'altro che prendere una partita alla volta e godersi il suo calcio".

Simon ha degli obiettivi personali per la stagione e ci sono obiettivi di squadra che conosci, come un piazzamento tra i primi quattro?

“Penso che Simon insieme a tutta la squadra voglia solo arrivare più in alto possibile. Quando sei il Milan e hai una buona squadra come quella adesso, penso che l'obiettivo dovrebbe essere quello di lottare per il titolo e almeno qualificarsi per la Champions League per la prossima stagione. In questa stagione giocano anche in Europa League, quindi penso che stiano anche pensando di farlo. Almeno vedranno se potranno provare a vincere un titolo e perché no lo scudetto, credo che con questa squadra e quei giocatori tutto sia possibile. E anche con questo allenatore, tra l'altro, ha fatto magnificamente bene con la squadra ".

Proprio su Pioli vi leggo una sua citazione su Kjaer del dopo derby ...

“Sinceramente speravo in questa prestazione, ma il contributo che Simon sta dando dentro e fuori dal campo è di alto livello. Stiamo parlando di un professionista impeccabile e di un uomo intelligente"

Dalla tua esperienza di giocatore e di agente, quanto significa avere la fiducia dell'allenatore?

"Significa molto. Alla fine della giornata l'allenatore è il capo, quindi è sempre molto importante che all'allenatore piaccia quello che fai e che si fidi di te e che sia al 100% dietro di te. Questo ti dà fiducia e poi ti porta le migliori prestazioni, quindi è molto importante il rapporto che hanno Simon e Pioli, ed è stato così fin dal primo giorno, quindi Simon ha sempre sentito il 110% di fiducia dal suo allenatore dal suo primo giorno. "

Quando Simon si è unito, c'erano alcune storie su quando si è scontrato con Ibrahimovic in una precedente partita di Europa League: sarebbe giusto dire che hanno un rapporto molto migliore ora che condividono uno spogliatoio?

“Sì, di sicuro (ride). Hanno un ottimo rapporto ora e sono due giocatori molto importanti per la squadra, quindi entrambi combattono insieme ora e combattono per lo stesso caso, quindi sì, hanno un ottimo rapporto ".