Il Milan, Pioli e quell'equilibrio tattico trovato senza Ibra. E' tornata la cooperativa del gol

13.05.2021 12:01 di Salvatore Trovato   Vedi letture
Il Milan, Pioli e quell'equilibrio tattico trovato senza Ibra. E' tornata la cooperativa del gol
MilanNews.it
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Ibrahimovic fa la differenza - sempre, anche quando non segna - ma il Milan oggi non è più dipendente dallo svedese. E questo è un bene, perché non toglie nulla all’importanza di Zlatan per questa squadra, ma allo stesso tempo esalta il valore complessivo della rosa di Pioli.

IDENTITÀ - Come evidenzia La Gazzetta dello Sport, mister Pioli ha trovato senza Ibra un equilibrio tattico diverso, che in alcune gare - come quella di ieri con il Torino - può funzionare. Non sarà sempre così facile, ma è un dato di fatto: il Milan ha un’identità ben precisa, che non si snatura ma varia in base all’avversario e all’undici scelto dall’allenatore. Insomma, un gruppo maturo, che ha imparato - tanto, tantissimo! - da Zlatan e ora sa andare avanti con le proprie gambe.

ANIMA REBIC - In attesa di rivedere all’opera Ibrahimovic - possibilmente in Champions -, è rinata la cooperativa del gol intorno a Rebic. E questa è una buona notizia per Stefano Pioli anche in chiave futura. Domenica, con ogni probabilità, toccherà di nuovo al croato: l’uomo dei gol pesanti è tornato a essere se stesso nel momento clou della stagione.