LIVE MN - Giampaolo: "Dobbiamo cambiare qualcosa la davanti. Piatek da solo forse gioca meglio"

25.08.2019 20:50 di Pietro Mazzara Twitter:    Vedi letture
Fonte: Inviato a Udine
© foto di Image Sport
LIVE MN - Giampaolo: "Dobbiamo cambiare qualcosa la davanti. Piatek da solo forse gioca meglio"

Esordio amarissimo per Marco Giampaolo, che perde la sua prima partita ufficiale da allenatore del Milan.. La sua squadra ha dato una bruttissima impressione sul campo della Dacia Arena, apparendo inchiodata al terreno di gioco, senza idee e senza quel calcio offensivo e qualitativo che il nuovo tecnico milanista predica da inizio luglio a Milanello. Tudor gli ha incartato la partita togliendo linee di passaggio e soffocando le fonti del gioco milanista. Tra poco le parole dell'allenatore rossonero in conferenza stampa.

Mi dica dove l’Udinese ha messo in difficoltà il Milan?
“L’Udinese ha giocato la partita sui nostri errori. Ci ha aspettato ed è ripartita. Noi siamo stati meno bravi. I movimenti offensivi dei tre non mi sono piaciuti, perché forse non sono nelle corde di quei tre attaccanti. L’Udinese ha fatto la partita che mi aspettavo che facesse. Noi abbiamo avuto un predominio territoriale, ma sterile”.

Sta pensando al cambio di modulo?
“I numeri lasciano il tempo che trovano. Sono le caratteristiche dei giocatori che permettono di fare una cosa rispetto ad un’altra. È emersa una difficoltà nell’interpretare le cose che gli chiedo, per caratteristiche dei giocatori. Bisogna capire su quali dinamiche bisogna spostarsi meglio”.

I giocatori non hanno espresso il suo calcio perché?
“Nelle soluzioni offensive abbiamo avuto difficoltà. Devi avere più soluzioni per sovvertire avversari che fanno densità. Forse bisogna mettere i tre davanti nelle condizioni migliori per loro. Dobbiamo avere una pericolosità offensiva diversa”.

Suso, questa estate, è stato spesso celebrato. Può essere una partita a rimettere tutto in discussione?
“Castillejo è quello che interpreta meglio le cose che gli chiedo. Fa le cose per bene. Bisogna mettere gli altri due, soprattutto Piatek, nelle condizioni migliori. Forse da solo gioca meglio. Dobbiamo costruire qualcosa di diverso la davanti. Vado oltre la partita di oggi. So quelli che sono gli sviluppi offensivi di una squadra che deve andare in verticale. Mi immagino già che cosa si deve fare. Devo spostare qualcosa”.

La spinta dei terzini?
“Bisogna allenarli tutti. Bennacer ha fatto un allenamento, Leao tre. Kessie e Paquetà li ho forzati. Non conosco bene le caratteristiche. È qualcosa che sapevo già e che vanno oltre la partita di oggi, La spinta dei terzini, quando tu hai una squadra che si chiude la, è dura. Abbiamo sbagliato le soluzioni in uscita, abbiamo preso contropiedi a squadra aperta. Devo metterli in condizione di esprimersi meglio”

Come mai la squadra non è stata quella delle amichevoli estive?

“La squadra sa fare le cose fino ad un certo punto. Abbiamo avuto un buon predominio, ma non siamo stati pericolosi. È li che dobbiamo rivedere alcune cose”.