ESCLUSIVA MN - De Canio: "Pobega ha grandi potenzialità, Milan e Italia ne beneficeranno"

16.09.2022 17:00 di Redazione MilanNews Twitter:    vedi letture
Fonte: Peppe Gallozzi
ESCLUSIVA MN - De Canio: "Pobega ha grandi potenzialità, Milan e Italia ne beneficeranno"
MilanNews.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Luigi De Canio, allenatore, ha rilasciato un'intervista a MilanNews.it. Di seguito le domande e le risposte:

Mister, ha sentito un pochino anche suo il gol di Pobega in Champions League?

“No, è tutta roba sua. Tommaso è un ragazzo splendido e allo stesso tempo un calciatore con grandi potenzialità. Ha ampi margini davanti a lui, per me che l’ho conosciuto non è una sorpresa”.

Si vedevano già in passato le sue qualità o sono emerse successivamente?

“Le avevamo tutti già intraviste. Io ho sempre guardato il calcio a trecentosessanta gradi, già dai tempi della Primavera sapevo che era in possesso di determinate qualità. L’ho voluto fortemente con me, ho fatto fuoco e fiamme per averlo e ringrazio il suo procuratore. Con noi ha vissuto un momento di crescita importante”.

Può starci a questi livelli?

“Senza dubbio. E, ripeto, può ancora crescere tantissimo. Ne beneficeranno il Milan e anche la Nazionale”.

Guardando ai rossoneri, la vittoria sulla Dinamo Zagabria è una risposta importante dopo il pareggio di Salisburgo?

“Un pari con il Salisburgo può starci, a Londra hanno mostrato ancora la loro forza. Il Milan ha fatto la sua partita, ha dimostrato di essere sulla strada giusta rispettando la sua tradizione europea. Di questo va dato ampio merito a Paolo Maldini, a Stefano Pioli e tutti i collaboratori. Il Milan è un modello, tanti giovani pronti a crescere ed esplodere”.

Milan-Napoli mette in palio già una fettina di Scudetto?

“Troppo presto. Sono sicuramente due squadre candidate alla lotta ma mancano ancora tante partite. Ci sono tante insidie così come è sempre stato nel campionato italiano. Certo, moralmente è una sfida che entrambe vorrebbero vincere e che nessuno ha intenzione di lasciare all’altro”.

Intervista di Peppe Gallozzi