ESCLUSIVA MN - Repice: "Non scambierei mai Higuain con Morata, il Pipita tornerà a segnare. Montolivo? Non so se ci siano ordini superiori..."

24.12.2018 15:00 di Thomas Rolfi Twitter:   articolo letto 31535 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
ESCLUSIVA MN - Repice: "Non scambierei mai Higuain con Morata, il Pipita tornerà a segnare. Montolivo? Non so se ci siano ordini superiori..."

La redazione di MilanNews.it ha contattato Francesco Repice. Con la storica voce di Radio Rai abbiamo parlato del momento che sta attraversando il Milan di Gattuso, della questione Montolivo e del possibile scambio tra Higuain e Morata.

Le prossime due partite contro Frosinone e SPAL saranno decisive per Gattuso?
"Mi sembra che questa squadra stia facendo molto di più di quanto nelle proprie corde, soprattutto alla luce delle defezioni di questi mesi tra infortuni e squalifiche. Gattuso sta facendo il massimo con quello che si trova a disposizione. La squadra mi sembra che sia totalmente con l'allenatore".

Che idea si è fatto sulla questione Montolivo? Giusto che non venga preso in considerazione dalle scelte di Gattuso?
"Sono amico di entrambi, per cui mi riesce un po' difficile entrare nella questione nel dettaglio. Io sono convinto che prima o poi Montolivo debba tornare utile al Milan. Non so se ci siano degli ordini superiori per cui Riccardo non debba giocare perchè parla con i giornalisti raccontando formazioni o informazioni di spogliatoio. Quello che posso dire è che io con Montolivo ci ho lavorato una vita in Nazionale e non mi ha mai dato una formazione. Non può essere un problema tecnica, ma non conosco i termini della questione non tecnica. Io non voglio tirare in mezzo questioni di cui non sono a conoscenza, però mi sembra molto strano che sia una questione personale tra loro due".

Nei panni del Milan farebbe lo scambio Higuain-Morata?
"Io sinceramente no, perchè Morata è un calciatore completamente diverso da Higuain e l'allenatore dovrebbe lavorare da capo sui meccanismi offensivi. Chi non fa gol nel campionato inglese con quelle difese approssimative sinceramente mi convince il giusto. Morata ha dato prova di se solo con la Juve, non lo cambierei mai dando via Higuain".

C'è da dire, però, che al netto di infortuni e squalifiche, Higuain sta vivendo un momento di down dal rigore sbagliato contro la Juventus. Dipende anche dalle caratteristiche della squadra?
"Può darsi che abbia avuto un contraccolpo psicologico, però questi son calciatori che quando cominciano a fare gol non smettono più. Non credo sia una questione di modulo o caratteristiche dei compagni, Higuain i gol se li deve creare da solo. Al Milan è un momento in cui non riesce, perchè la carriera di un calciatore è fatta di alti e bassi. Astinenza che sta durando troppo? Vero, però sono convinto che se si sbloccasse tornerebbe a segnare a raffica".