MN - Baresi: "Vi racconto la mia vita al Milan. Rangnick? Mai essere prevenuti alle novità"

08.05.2020 08:00 di Redazione MilanNews Twitter:    Vedi letture
Fonte: Vitiello - Mazzara
© foto di Federico De Luca
MN - Baresi: "Vi racconto la mia vita al Milan. Rangnick? Mai essere prevenuti alle novità"

Tanti auguri Franco Baresi. L’intervista integrale realizzata dal grande capitano del Milan in occasione del suo sessantesimo compleanno.

Se dovesse spiegare ad un giovane cosa voglia dire essere milanista, cosa le direbbe?
“Tanti giovani mi hanno visto in televisione e non hanno vissuto dal vivo i miei anni. Il Milan è la mia vita. Penso alla mia infanzia e alle tappe che ho dovuto affrontare. Sono arrivato adolescente e oggi, a 60 anni, sono un po’ più maturo e più saggio. Col Milan ne ho viste tante, sia sul campo sia da dirigente. Ho incontrato tante persone lungo il cammino che mi hanno crescere, mi hanno forgiato e mi hanno dato”.

Chi più delle altre?
“Vorrei citarne cinque: Rivera, Rocco, Liedholm, Berlusconi e Sacchi. Sono persone che mi hanno dato molto. Rivera è stato il mio capitano. Da lui ho imparato tantissimo, anche se l’ho avuto solo un anno perché lui era a fine carriera. Mi è servito tantissimo quell’annata dove vincemmo lo scudetto della stella con una squadra che non era, di certo, la favorita per vincere il campionato. Liedholm e Rocco sono state due icone e se penso a loro, mi vengono i brividi”.

Rocco in cosa l’ha formata?
“Mi ha dato fiducia. Lui era bravissimo con i giovani. Mi ha lanciato in un ruolo non semplice e mi ha fatto esordire in Serie A contro il Verona al Bentegodi. Vincemmo 2-1. La mia prestazione non fu esaltante. La vittoria aiuta. I compagni furono eccezionali con me. E negli spogliatoi mi fece una battuta che mi fece diventare rosso perché disse: “Ah, hai giocato anche tu”, in dialetto triestino”.

Berlusconi invece?
“Ho avuto la fortuna ed il privilegio di averlo avuto per 30 anni come presidente. È stato lungimirante e, per me, è stato fondamentale. Ha portato la sua mentalità vincente dentro una squadra di calcio”.

Sacchi cos’è stato per lei?
“Arrigo è stato quello che mi ha completato e migliorato sotto tanti punti di vista. Ha introdotto una cultura del lavoro diversa. Preparava le gare in maniera diversa rispetto a quello che era il metodo abituale dell’epoca”.

Qual è il momento più bello e quello più brutto della sua storia al Milan?
“Belli ne ho avuti tanti. Quelli brutti sono stati pochi, anche se il più brutto è stato quello della seconda retrocessione. Ebbi un’infezione da stafilococco che mi tenne fuori da ottobre fino a febbraio. Venne comprato Venturi per sostituirmi. Fu un’annata balorda”.

Il migliore che ricorda?
“Uno solo è difficile. Anche se metterei in fila i primi due anni di Sacchi. Lo scudetto del 1988 è stato pieno di sorprese perché praticavamo un calcio nuovo, diverso. L’anno dopo siamo tornati in Coppa dei Campioni e l’abbiamo vinta. In breve siamo arrivati in cima al mondo. È stato un momento grandioso”.

Oggi i ragazzi non crescono più all’oratorio. Come si può recuperare il ruolo di quel luogo nella società di oggi?
“Dare consigli al cuore dei giovani di oggi non è semplice. Ma l’aspetto umano è fondamentale. Lo sport deve essere fatto con amore e passione. Gli oratori sono sempre state delle tappe importanti per i giovani e per la loro crescita. Ma credo che siano anche fondamentali le persone che gestiscono questi ragazzi, che gli devono dare dei valori che vanno anche oltre il calcio”.

Cos’è successo nel 1986 con Bearzot che non la portò al mondiale?
“Ho vestito due maglie, quella del Milan e quella della nazionale. Ho fatto tre mondiali con un primo, un secondo e un terzo posto. Mi è dispiaciuto non andare al mondiale di Messico ’86, ma con Bearzot ho avuto delle divergenze normali, ma io posso solo ringraziarlo. Nell’82 ero retrocesso con il Milan in Serie B e sono stato convocato per il mondiale di Spagna. Partecipare a quella coppa del Mondo mi ha fatto vivere momenti straordinari e ha lenito la delusione per la retrocessione. È stata un’esperienza che mi ha fatto crescere molto. La sua voglia era quella di vedermi giocare in coppia con Scirea, per quello ho anche deciso di cambiare ruolo”.

La fase attuale del Milan può essere paragonata alla sua storia?
“No. In ogni club ci sono dei cicli con anche dei cambiamenti. Ci sono stati dei cambi di proprietà. Berlusconi è rimasto per 30 anni e quello, di certo, è un punto favorevole. Oggi c’è tanta concorrenza, non è semplice perché vanno rispettate diverse regole, come il Fair Play Finanziario. Penso che il Milan, comunque, possa tornare in alto”.

Nel 1982 fu cercato dalla Juventus, come si fa a dire di no ai bianconeri?

“Erano solo voci, a me personalmente non è mai arrivata la richiesta di cambiare e penso che il Milan non abbia mai voluto vendermi. Sono cresciuto in questo club e non ho avuto nemmeno il pensiero, quell’anno mi fecero capitano, non so se ero pronto ma ho imparato strada facendo. La mia scelta è stata ricambiata, diventare capitano è stato un onore e uno stimolo enorme”.

Quale finale di Champions persa le ha fatto più male?
“Forse Marsiglia, anche se era una squadra molto difficile da affrontare, forte fisicamente. Il Milan in quell’occasione meritava di più. Chiaro che poi su ciò che è venuto fuori dopo uno ci pensa. Ma nelle finali deve girare tutto bene, si vede che era destino”. 

In carriera è mai capitato di difendere i compagni dagli allenatori?

“Non ho mai avuto questi problemi. All’inizio della mia esperienza da capitano non mi sono mai imposto con la voce, perché non contavo niente. Dovevo farmi valere in campo, sono diventato un punto di riferimento con il comportamento. Ho cercato di essere sempre un uomo sincero, di aver coraggio e ispirare i compagni senza lasciare indietro nessuno. Credo che questo sia il segreto”.

Il ritiro della maglia numero 6 l’ha emozionata?

“Ricordo quell’estate quando Berlusconi decise di togliere la maglia numero 6, fu un gesto emozionante per me. C’è stata sempre riconoscenza nei miei confronti da parte della società, Berlusconi anche lì giocò d’anticipo e sorprese tutti”.

Il rigore del 1994 nella finale col Brasile l’ha tormentata? 

“Tenevo moltissimo a quel Mondiale perché ero capitano, c’erano tanti compagni di club e Sacchi allenatore. Quando mi sono infortunato alla seconda gara il mio morale era sotto i tacchi, vedevo che si stava frantumando la mia occasione. Devo solo ringraziare i miei compagni per aver giocato la finale, la squadra dimostrò grande carattere. E’ stato un successo giocare la finale, poi i rigori fanno parte del gioco. Anni dopo ci è andata meglio nel 2006 sempre ai rigori”.

Rimpianti per il pallone d’oro?

“Ci sono andato vicino, ma davanti a me arrivò Van Basten in due occasioni, quindi non ebbi rimpianti”.

La sua top 11 del Milan?

“Come faccio a trovarne undici? Ho avuto la fortuna di aver vissuto tante formazioni e non voglio dimenticare nessuno. Ho avuto compagni meravigliosi, tanti campioni”.

Crede sia funzionale l’arrivo di Rangnick, amante del gioco di Sacchi, per un progetto a lungo termine?

“Non bisogna mai essere prevenuti alle novità. Questa è la mia prerogativa. Poi ci mancherebbe, ora c’è un allenatore e una proprietà che decide, ci sono le persone che dovranno decidere il meglio. Credo che alla base debba esserci sempre il club, non c’è bisogno di individualità ma di coesione. Bisogna pensare insieme senza dimenticare la storia di questo club e la sua filosofia”.

Che capitano è Romagnoli?

“Sappiamo quali siano le qualità di Alessio, uno dei giocatori migliori che abbiamo in Italia. E’ al Milan da diversi anni e credo che stia capendo l’importanza di giocare con la maglia rossonera. La fascia al braccio è un pezzo di stoffa, ma ha effetti incredibili su chi la indossa”.

Paolo Maldini deve rimanere in società?
“Difficile rispondere quando non sappiamo come Paolo la pensi. Eviterei di fare supposizioni, sappiamo chi è stato, e cosa abbia fatto per il Milan”.

Qual è stata l’ultima volta che il Milan recente l’ha fatta emozionare?

“Il Milan ha disputato buone partite, ma deve imporre il proprio gioco con coraggio e non avere paura. Questo aiuta a crescere”.

Donnarumma deve restare?
“Le opportunità sono diverse rispetto ai miei tempi, dare consigli è sempre molto difficile. Se fossi Donnarumma non esiterei a rimanere”.

Il difensore che le piace di più oggi?
“L’annata di Virgil van Dijk è stata strepitosa, un giocatore che mi ha impressionato. Al Liverpool ha fatto la differenza per la sua padronanza, per la personalità. Hanno speso tanto ma credo che i Reds abbiano fatto un grande colpo”.

Il ritorno al calcio giocato può essere d’aiuto per il Paese?
“So che tutti gli appassionati sperano che il campionato riparta e che possa essere portato a termine. Però mi metto nei panni dei giocatori e non è facile. Perché giocare in stadi vuoti non è semplice. Ma se saranno in sicurezza e se ci saranno dei comportamenti responsabili, credo che sia giusto provare a ricominciare, per dare anche allegria e svago. Una speranza in più per tutti, perché il calcio deve dimostrare di essere un esempio di responsabilità. Mi auguro che il campionato si possa completare, poi saranno poi gli addetti ai lavori a decidere quando”.

L’emergenza coronavirus ha colpito la bresciana. Lei come ha vissuto questa vicenda?
“Sento spesso i miei parenti a Travagliato che, per fortuna, è stato colpito poco. Mi hanno raccontato che l’atmosfera nella provincia di Bergamo e Brescia era tremenda. Il nostro paese è stato messo a dura prova e c’è una ferita profonda, che sarà dura rimarginare. Penso alla sofferenza di chi ha perso i propri cari, di chi ha vissuto in prima linea a contatto con la morte. Ed è stato qualcosa di devastane da vedere”.