Oriali: "Il Milan? Da che pulpito vien la predica"

23.03.2010 10:50 di Alessandro Chiatto   Vedi letture
Fonte: La Stampa
Oriali: "Il Milan? Da che pulpito vien la predica"

Non si fa attendere la risposta di Gabriele Oriali, dirigente dell'Inter, sulle polemiche relative agli arbitraggi. La società Milan ha davvero poco gradito le esternazioni dell'ex mediano nerazzurro, soprattutto dopo la qualificazione contro il Chelsea, figlia di qualche errore arbitrale: "Da che pulpito, mamma mia. Da che pulpito - risponde Oriali - Il Chelsea: per carità, gli arbitri ci hanno detto bene. Come, contro il Liverpool, ci avevano detto male in passato. E allora? Vogliamo parlare di Milan-Roma dell’andata e di Fiorentina-Milan, arbitro Rosetti?" Rosetti è lo stesso arbitro che non diede rigore al Chievo dopo il pugno di Quaresma: "Era rigore, quel pugno. Rigorissimo. L’arbitro non vide: capita. Avesse visto, lo avrebbe dato. Rosetti, viceversa, vide e valutò male: Thiago Silva su Menez, Burdisso su Nesta, Thiago Silva su Montolivo. Per tacere della non espulsione di Bonucci in Bari-Inter. Glielo feci rilevare senza insultarlo. Lo riconobbe. Furono gli zelantoni della procura a farmi squalificare". Sulle dichiarazioni di Mourinho, dal rumore dei nemici al fatto che non si voglia far vincere il campionato all'Inter: "Vuole la mia classifica attuale: prima Inter, seconda Roma, terzo Milan. Si profila un finale di stagione intenso, arbitrare è di per sé un mestiere difficile, auguro a tutti la “fortuna” di sbagliare il meno possibile".