Caso Eriksen, Castellacci: In Europa con un defibrillatore impiantato si gioca, in Italia siamo molto più severi"

17.06.2021 19:12 di Enrico Ferrazzi Twitter:    vedi letture
Fonte: ANSA
foto ANSA
foto ANSA
© foto di ANSA

(ANSA) - ROMA, 17 GIU - "In Europa con un defibrillatore impiantato si gioca, c'e' l'olandese Blind che sta facendo l'Europeo. Ma in Italia siamo molto più attenti e severi nel concedere le idoneità sportive". Il professor Enrico Castellacci, medico della nazionale campione del mondo nel 2006 e ora presidente dei medici del calcio, ha dubbi sulla possibilità che Christian Eriksen possa giocare in Italia, dopo l'arresto cardiaco subito in campo e la decisione di impiantargli un ICD. "Premessa: non conosco la diagnosi, e possiamo parlare solo in linea teorica - spiega all'ANSA Castellacci - L'impianto di un ICD è giusta, direi un atto dovuto per chi ha avuto un'aritmia come la sua. Bisognerà capire bene quale è la patologia, ma andare in campo con un defibrillatore sottocutaneo espone a rischi. Una pallonata o un contrasto possono mettere fuori uso un meccanismo che con una scossa elettrica interviene in caso di arresto cardiaco". "Mi auguro - prosegue - che la diagnosi precisa e i protocolli cardiologici per l'idoneità possano chiarire. Ma ripeto, in Italia siamo molto più attenti del resto del mondo nel concedere l'idoneità atletica, e non so se la coscienza o la ratio medica potranno dare risposta a questi dubbi. Dei quali dovrà essere ben cosciente anche il giocatore: quattro minuti prima era perso, un minuto dopo si valuta se può tornare a giocare...". (ANSA).