Marocco, Bounou canta l'inno ma non gioca e va in ospedale: "Avevo le vertigini"

27.11.2022 23:45 di Filippo D'Angelo   vedi letture
Fonte: ANSA
foto ANSA
foto ANSA
© foto di ANSA

(ANSA-AFP) - DOHA, 27 NOV - "Ho preso delle medicine e prima dell'inizio della partita ho avuto le vertigini. E siccome non volevamo cambiare durante il match, abbiamo preso la decisione giocare la partita con il mio sostituto (Munir, ndr) e grazie a Dio è andato tutto bene". Il portiere marocchino Yassine Bounou spiega i motivi che lo hanno costretto a lasciare il posto al suo sostituto Munir tra i pali a pochi secondi dall'inizio della partita dei Mondiali contro il Belgio, vinta 2-0 ed a ricorrere alle cure mediche in ospedale. Poco dopo aver cantato l'inno 'Bono' ha deciso di rinunciare a giocare la partita. "Non ho potuto vedere la partita perché ero in ospedale - ha spiegato alla tv pubblica marocchina Snrt - Ho avuto un infortunio durante la partita contro la Croazia (mercoledì scorso finita 0-0, ndr) e lo staff tecnico ha fatto del suo meglio per farmi giocare questa partita. Ho preso le medicine ma prima dell'inizio della partita ho avuto le vertigini". Ai microfoni di BeIN sports, il Ct del Marocco Walid Regragui ha confermato quanto accaduto: "Con la Croazia ha preso una botta, era in forse. Ci abbiamo provato fino all'ultimo, ma dopo il riscaldamento, poco prima della partita, non si è sentito bene e ha avuto l'onestà di lasciare il posto a Munir che oggi ha fatto una grande partita". (ANSA-AFP).