Pagelle - Hauge, altro super gol. Tata, due parate alla Gigio. In chiaroscuro i due baby

10.12.2020 23:26 di Pietro Mazzara Twitter:    Vedi letture
© foto di DANIELE MASCOLO
Pagelle - Hauge, altro super gol. Tata, due parate alla Gigio. In chiaroscuro i due baby

Queste le pagelle di Sparta Praga-Milan:

Tatarusanu 7: primo tempo inoperoso, poi nella ripresa mette le sue parate sul primo posto e sulla vittoria. La prima è la chiusura su Krejci al 56’ e poi, quella decisiva, su Karlsson nel recupero con un volo alla sua destra a mano aperta. Bel riscatto.

Conti 6: Polidar gli dà un colpo a palla lontana e si innervosisce un po’. Diligente nello svolgere il ruolo che Pioli gli assegna. Buono il ritorno da titolare e la prima da capitano.

Duarte 6: perde Polidar in avvio di partita, con l’esterno avversario che sbuccia la conclusione verso Tatarusanu. Si riprende con l’andare della partita.

Kalulu 6.5: una bella sorpresa. Gioca da centrale di sinistra e di mangia come se nulla fosse Minchev. Legge bene diverse diagonali difensive e fa uscire bene l’azione dal basso.

Dalot 6.5: con Hauge crea un bel binario, che è quello sul quale il Milan affonda maggiormente perché Diogo attacca il corridoio interno lasciando JP in isolamento e in uno contro uno con l’avversario.

Krunic 5.5: la valutazione crolla nei minuti finali, quando sbaglia per ben due volte la scelta per l’ultimo passaggio che avrebbe chiuso le transizioni condotte.

Tonali 6.5: continua la sua crescita, sia di prestazioni sia di personalità. Vero che l’avversario non era di quelli che ti mettono paura, ma Sandro aveva bisogno di dare linfa alle sue giocate e oggi se n’è concessa anche qualcuna di fino.

Castillejo 6.5: punta Polidar e Lischka e gli fa venire il mal di testa. Heka gli nega il gol dopo uno slalom gigante che sarebbe potuto valere il gol dello 0-2. Cercato tanto dai compagni, mette in scena una prestazione matura.

Maldini 5.5: rilanciato titolare al posto di Brahim Diaz, dimostra di avere delle belle doti tecniche, ma che devono trovare continuità. Sparisce troppo all’interno della partita e questo non è un bene. A gennaio dovrebbe uscire per trovare maggiori minuti (dal 78’ Kessie 6: registra i palloni che gli passano tra i piedi senza affanno).

Hauge 7: JP si esalta e fa esaltare tutti. Realizza un grande gol, molto simile a quello segnato contro il Celtic e fa impazzire Wiesner e Vitik, ai quali regala due tunnel da manicomio. Su di lui anche un contatto dubbio in area dello Sparta, che l’arbitro lascia andare. (dal 90’ Hauge sv).

Colombo 6: la baby-boa fa meglio nel secondo tempo che nel primo, dove fatica a trovare le zolle di campo giuste nelle quali incidere. Nella ripresa fa il pivot, lavorando di fisico, facendo salire la squadra. (dal 67’ Leao 5.5: rientra dall’infortunio, fa espellere Plechaty, ma poi si divora un’occasione importantissima per mandare lo Sparta a dormire. Pecca di sufficienza e forse sbaglia anche i tacchetti delle scarpe, viste le diverse scivolate sul terreno).

Pioli 6.5: vince il girone e ottiene delle buone risposte da alcuni dei giocatori che avevano meno minutaggio, ma anche da Castillejo, Tonali e Hauge. Anche il Milan-2 sa come si vince e come si applicano i suoi dettami.