Gazzetta - Rinnovo Gigio: il Milan offre soldi e fascia da capitano, Raiola prende tempo. In calo l’opzione Juventus

25.04.2017 08:01 di Enrico Ferrazzi Twitter:    Vedi letture
Gazzetta - Rinnovo Gigio: il Milan offre soldi e fascia da capitano, Raiola prende tempo. In calo l’opzione Juventus
MilanNews.it
© foto di Alberto Lingria/PhotoViews

Dopo mesi di voci e indiscrezioni, ora che il passaggio di proprietà è finalmente diventato realtà, può entrare finalmente nel vivo la trattativa per il rinnovo di Gianluigi Donnarumma, che rappresenta una priorità assoluta della nuova dirigenza. Questa vicenda rischia però di trasformarsi in una vera e propria maratona: secondo La Gazzetta dello Sport in edicola questa mattina, Mino Raiola, agente di Gigio, nei contatti telefonici della scorsa settimana, ha infatti preso tempo, lasciando intendere che per quel che lo riguarda può aspettare anche fine estate per sedersi al tavolo. E ciò non sta assolutamente bene al club che, invece, auspica un’intesa in tempi brevi.

OFFERTA ROSSONERA - Le intenzioni di Fassone e Mirabelli sono piuttosto chiare: con la firma sino al 2022 al numero 99 milanista verrà consegnata la fascia da capitano e un contratto che lo farebbe salire subito dagli attuali 160 mila euro annuali alla soglia dei 3,2 milioni netti ora appannaggio di capitan Montolivo. In aggiunta una serie di bonus e un piano di sostanziosi rialzi nelle stagioni successive. In via Aldo Rossi, Donnarumma viene ritenuto assolutamente incedibile e rappresenta la base su cui costruire il nuovo Milan.

TANTI PRETENDENTI - A Gigio non mancano certamente le pretendenti, soprattutto all’estero dove sono in grado di offrigli grosse quantità di denaro. Sullo sfondo, c’è sempre la Juventus, anche se questa opzione è in calo in quanto Buffon sta ancora bene e dunque non lascia spazio alle ambizioni di un giovane che chiede subito una maglia da titolare. La situazione è quindi in continua evoluzione e tutti i tifosi milanisti sperano che presto possa esserci il lieto fine, cioè il rinnovo di Donnarumma.