Bologna, Mihajlovic a DAZN: "In parità numerica abbiamo giocato meglio noi. L'espulsione di Soriano ci può stare"

23.10.2021 23:14 di Manuel Del Vecchio Twitter:    vedi letture
Bologna, Mihajlovic a DAZN: "In parità numerica abbiamo giocato meglio noi. L'espulsione di Soriano ci può stare"
MilanNews.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

Sinisa Mihajlovic è stato intervistato da DAZN al termine di Bologna-Milan. Queste le sue dichiarazioni:

Sull’espulsione di Soumaoro: “Vedendo le immagini è fallo ma secondo me Krunic non sarebbe mai arrivato sul pallone. Mi sono ripromesso di non parlare degli arbitri. Il fallo di Soriano non era intenzionale ma vedendo le immagini il rosso ci poteva stare. Abbiamo perso ma penso che abbiamo vinto su tutto. In 11 contro 11 abbiamo giocato meglio, abbiamo recuperato un gol con un uomo in meno e con due uomini in meno abbiamo avuto due occasioni. Forse se loro non trovavano quel jolly con Bennacer forse non perdevamo, ma eravamo tutti stremati. I miei giocatori devono essere orgogliosi, oggi hanno avuto la consapevolezza di essere forti”.

Uscite con ancora più consapevolezza? “Penso di sì, l’abbiamo dimostrato oggi. Diciamo che a questo Bologna mancano 3-4 punti per i meriti. Poi oggi come ho detto abbiamo giocato contro la seconda in classifica e siamo riusciti a pareggiarla con uomo in meno. Al di là del risultato che è negativo sono contento e orgoglioso della squadra, hanno dimostrato coraggio, gruppo. Loro con due uomini in più non ci hanno messo in difficoltà, poi a lungo andare ci sta che puoi subire gol”.

In occasione dell’espulsione di Soumaoro avevi la linea così alta per paura di portare Ibra in aria? “È stato bravo Kjaer a lanciare Krunic. Il fallo c’era, ma non sapevo se lui ci sarebbe arrivato sul pallone. In fase difensiva abbiamo fatto bene, loro non hanno creato quasi nulla. Abbiamo preso gol sul primo tiro, anche deviato. Abbiamo sofferto poco e niente. Però si sa che le grandi squadre la buttano dentro quando hanno le occasioni, ma in 11 contro 11 siamo stati superiori. La squadra ha fatto un’ottima partita”.

Quanto sei soddisfatto della crescita di Barrow? “Il suo ruolo era quello di esterno, ma può benissimo fare la seconda punta e dialogare con Arnautovic. Se gli capita la palla gol la butta dentro, questo cambio di ruolo lo ha aiutato. Si sente più forte, speriamo che continui così”.

Ha detto qualcosa ad Ibra? “Dopo la partita sono scappato negli spogliatoi, conoscendomi era meglio andare via senza fare nulla. Ibra meglio in campo che a Sanremo? Non era difficile (ride, ndr)”.