Diego Buonanotte, dall’inferno al paradiso per il piccolo genio

22.06.2010 00:00 di Jacopo Galvani  articolo letto 11437 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Diego Buonanotte, dall’inferno al paradiso per il piccolo genio

Il quarto giocatore segnalato da Milan News è Diego Buonanotte, giocatore argentino di chiare origini italiane.
Diego è nato a Teodolina il 19 aprile del 1988.
È un trequartista molto tecnico ma anche molto leggero, infatti è alto solo 160 cm per circa 56 kg. Come tutti i brevilinei è molto rapido e fortissimo nel dribbling, giocatore ambidestro anche se predilige il piede sinistro che è il suo naturale, ma è ugualmente forte anche con il piede opposto. Ipotizzando un Milan schierato con un 4 – 2 – 3 – 1 Buonanotte potrebbe ricoprire indifferentemente uno dei 3 ruoli da trequartista, anche se probabilmente il più indicato per lui sarebbe quello di destra in modo da potersi accentrare e liberare il suo preciso sinistro. Se giocasse in posizione centrale potrebbe prendere tranquillamente il posto di Clarence Seedorf oppure a destra al posto di Pato che verrebbe spostato sul settore sinistro o come prima punta. Ronaldinho ovviamente verrebbe spostato al centro nel caso in cui Pato passasse a sinistra. Buonanotte ha debuttato nel River Plate all’età di 17 anni nella partita contro l’Institute vinta poi 3 a 1. Nel 2008 a suon di gol Diego trascina il River alla vittoria del torneo di Clausura, dove nella penultima partita sigla una doppietta che permette alla sua squadra di vincere aritmeticamente il campionato. Sempre nello stesso anno viene convocato dalla nazionale Argentina per la selezione olimpica, dove conquista la medaglia d’oro battendo in finale la Nigeria. Nel 2009 Diego Buonanotte è stato il capocannoniere del Torneo di Tolone e di conseguenza premiato anche come il miglior giocatore della competizione. Il 26 dicembre del 2009, Diego alla guida della Peugeot 307 del padre, è stato vittima di un incidente stradale nel quale ha riportato fratture all'omero e alla clavicola e una contusione del polmone destro, in più le tre persone che erano in macchina con lui sono decedute sul colpo. Il Bollettino medico riportò queste parole: “Buonanotte sarà operato per la riduzione della frattura all'omero. C'è anche una lesione al polmone destro, anche se non sembra compromessa la funzione respiratoria e quindi non c'è pericolo di vita". Diego ricevette anche un supporto psicologico dopo l’intervento, perché non sapeva ancora di aver perso i suoi 3 amici d’infanzia durante il bruttissimo incidente. Dopo un recupero record (4 mesi dall’incidente), nell’aprile del 2010 Diego torna a giocare contro il Godoy Cruz segnando fra l’altro la rete decisiva. Dopo essere stato nell’inferno più nero, Buonanotte è tornato in paradiso dove il River Plate, gli ha rinnovato il contratto sino al 2015. Diego sino ad oggi ha giocato 74 partite in prima divisione segnando 22 gol e 17 partite fra nazionale e coppa America segnando un solo gol.