Ibra è sulla lista dei cedibili, analogie con il "campione" presidenziale?

In collaborazione con Grazia Costagliola.
19.05.2010 18:30 di Matteo Calcagni   vedi letture
Ibra è sulla lista dei cedibili, analogie con il "campione" presidenziale?
MilanNews.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Il Barcellona, nonostante sia una delle squadre più temibili del pianeta, ha in piano una campagna acquisti faraonica che dovrebbe portare altri campioni alla corte dei blaugrana. David Villa, il primo dei rinforzi, è stato ufficializzato in giornata; mentre Fabregas, altro colpo in preventivo, potrebbe essere acquisito a breve. Entrambi gli acquisti, Villa e Fabregas, portano la firma di Joan Laporta che dovrà abbandonare giocoforza la carica presidenziale. Il nuovo che avanza, Rosell con tutta probabilità, sicuramente non potrà presentarsi a mani vuote e, stando alle indiscrezioni provenienti dalla Spagna, potrebbe voler ingaggiare un campione tra Rooney, Torres o Higuain. Una campagna acquisti che, se condotta in porto, sarebbe assolutamente faraonica con conseguente, e obbligatorio, sfoltimento della rosa attuale. Il candidato numero uno a lasciare Barcellona é Zlatan Ibrahimovic: lo svedese, nonostante le tante reti, non ha mai convinto la piazza catalana, portandolo a divenire il sacrificabile numero uno per la prossima stagione. Manuel Estiarte, braccio destro di Guardiola, ha tolto dal mercato il centravanti, ma la sensazione è che, con l'affollamento in attacco, la sua partenza possa essere altamente preventivata. Tra le sistemazioni più probabili, tenendo conto dell'elevato ingaggio dello svedese, ci potrebbero essere le big inglesi, con il Manchester City in testa. Tuttavia, anche considerando la visita di Raiola in via Turati di qualche tempo fà, accostata alle parole di ieri del Presidente Berlusconi ("Non mi tirerò indietro di fronte all'acquisto un grande campione"), il nome di Ibrahimovic potrebbe diventare d'attualità per il Milan. L'operazione è complicatissima, in quanto il costo dell'ingaggio è assolutamente fuori portata per le casse dei rossoneri: ma il Barcellona, che avrebbe la seria necessità di vendere, potrebbe addirittura ponderare un prestito, il che eventualmente permetterebbe al Milan di far fronte all'elevato stipendio dell'ex nerazzurro.