Carlo Pellegatti: "E' un Milan a doppia faccia"

18.04.2021 01:00 di Pietro Andrigo Twitter:    Vedi letture
Fonte: Tuttomercatoweb da Starcasinò
Carlo Pellegatti: "E' un Milan a doppia faccia"
MilanNews.it

I rossoneri sembrano i protagonisti della celebre opera di Robert Luis Stevenson. Quando giocano lontani da San Siro offrono un rendimento straordinario. Nessuna squadra europea, nei cinque campionati più importanti, è riuscita a superare la media punti dei rossoneri, che dei 63 punti in classifica 40 ne hanno conquistati in trasferta, con 13 vittorie e un pareggio. I ragazzi di Pioli hanno dunque una media di 2.66 punti, davanti al Manchester City, con 2.40, seguono Lille (2.31), Inter e Leicester (2.26) e il Bayern con 2.21.

Ben differenti risultati del Milan che, a San Siro, si trasforma invece in un brutto Mr. Hide. Nel 2021 sono solo tre vittorie, l’ultima addirittura il 7 febbraio, avversario il Crotone. Inesplicabili le ragioni di una così evidente discrepanza tra i due rendimenti. I motivi possono essere legati all’atteggiamento che, soprattutto le squadre della seconda parte della classifica, tengono in campo contro un Milan soffocato, che stenta a trovare gli spazi necessari per rendersi pericoloso. Insomma sembra una squadra che soffra di moltitudine. Soprattutto quando, come purtroppo è capitato spesso in questa stagione, gioca a San Siro, priva del suo terminale uomo, Zlatan Ibrahimovic, abile a allargare le maglie difensive degli avversari, punto di riferimento efficace di tutta la manovra offensiva rossonera.

Mancanza di equilibrio, a favore degli avversari

Un’altra ragione è la mancanza di equilibrio, che porta i giocatori a lasciare qualche spazio di troppo, ben sfruttato dagli attaccanti ospiti. Lo dimostrano le partite contro Verona, Parma, Udinese e Sampdoria, quando il Milan ha dovuto sempre recuperare lo svantaggio, impresa non riuscita contro squadre di alta caratura come Juventus, Inter, Atalanta e Napoli. In trasferta, l’atteggiamento non cambia, ma fisiologicamente l’attenzione in fase difensiva appare maggiore. Insomma, lontana da casa sua, una squadra che sembra usare l’espressione del Gran Cancelliere di Milano, Antonio Ferrer. Ne “I promessi sposi”, Alessandro Manzoni mette in bocca al politico spagnolo la famosa frase, rivolta al suo cocchiere: “Adelante con Juicio”, sì, avanti con giudizio.

Attenzione e concentrazione per mantenere il secondo posto

Indubbiamente questo differente cammino tra casa e trasferta appare più preoccupante ora che il Milan, in lotta per conservare il secondo posto, deve affrontare Genoa e Sassuolo. Avversarie che, nella scorsa stagione, hanno lasciato un punto ai rossoneri rispetto ai sei a disposizione, vittoria dei rossoblù e pareggio degli emiliani. Risultati che, insieme al deficitario cammino a San Siro, devono stimolare i giocatori di Pioli alla massima attenzione e concentrazione. In questa lotta finale, la minima incertezza verrebbe pagata cara in una giornata di campionato che vede le sfide roventi, come Atalanta-Juventus e Napoli-Inter. Il Milan deve approfittare insomma delle partite giocate nel suo stadio, amico da sempre, ma non negli ultimi mesi!